Vai al contenuto


Il progetto

Nell’ambito del bando AMIF-2020-AG-CALL, sul tema “Transnational actions on Asylum, migration and integration”, l’AEDIC (Associazione Europea per i Diritti Civili) si è aggiudicata la produzione di una serie di documentari che saranno distribuiti, a titolo gratuito, nelle emittenti nazionali dei diversi Paesi europei coinvolti nel progetto.

Start progetto e inizio riprese: maggio 2023; durata 2 anni.

Scopo

Il programma si propone di superare pregiudizi e luoghi comuni su temi fondamentali come la cultura, la religione, ma anche sulle questioni di genere e sulle disabilità, conoscendo la vita dei protagonisti di ogni puntata attraverso i racconti e la quotidianità vissuta nel Paese che li ospita, ma anche in quello di origine, con le loro paure, speranze, successi e insuccessi. Gli intervistai saranno personaggi noti del mondo dello spettacolo, dello sport e della cultura dei diversi Paesi coinvolti, che hanno vissuto e superato i problemi di integrazione legati a pregiudizi culturali e religiosi, ma anche a disabilità ed identità di genere. Le storie dei personaggi più famosi si intrecceranno con quelle di persone meno conosciute al grande pubblico ma che hanno realizzato progetti di successo, nonostante le iniziali difficoltà, il tutto accompagnato da immagini spettacolari legate a paesaggi ed eventi tipici dei Paesi che accolgono gli intervistati.
Documentari dinamici, fatti di suspense, di scoperte, con un tono moderno, alla portata di tutti, per superare pregiudizi e luoghi comuni su cultura, religione, disabilità e appartenenza di genere, con toni positivi, accompagnati dalle musiche di Umberto Tozzi, autore dell’omonima canzone che dà il titolo ai documentari. Un nuovo progetto che segnerà ancora una volta il pubblico, che non può rimanere impassivo davanti a immagini e testimonianze.

Paesi coinvolti e piano di comunicazione

I Paesi già confermati nel progetto, dove verranno girate le immagini e realizzate le interviste, sono: Francia, Italia, Portogallo, Spagna, Argentina, Brasile, Senegal e Principato di Monaco. Ci sono inoltre altri Paesi che saranno inseriti nella narrazione, come: Tunisia e Marocco. Ogni Paese è stato scelto per le sue caratteristiche peculiari, ma anche per agevolare la narrazione all’interno dei documentari.

RTL 102.5 è media partner del progetto e, attraverso la radiovisione RTL 102.5 BEST, seguirà tutte le fasi del progetto in giro per il mondo. È inoltre prevista una continua e capillare campagna di comunicazione attraverso FB, IG, TikTok e YouTube con l’account glialtrisiamonoi.eu.

Staff di produzione


Jocelyn Hattab

Regista e autore, noto per le sue invenzioni nel campo televisivo, e per aver già realizzato programmi, di intrattenimento ed approfondimento, in giro per il mondo e senza trascurare gli aspetti legati alla promozione turistica dei luoghi visitati e raccontati attraverso i suoi programmi.

Alessandra Chianese Hattab

Autore dei documentari, giornalista, sociologa, dottore di ricerca in psicologia, che da anni si occupa di flussi migratori (stranieri in Italia ed italiani all’estero), integrazione, identità di genere e dialogo interreligioso, animerà la serie di documentari incontrando i protagonisti delle puntate e accompagnandoli nella narrazione.

Fanno parte dello staff anche:
operatori di ripresa ed un responsabile del montaggio e della post produzione

Oltre alle quattro persone che saranno coinvolte in tutti i viaggi e nelle fasi operative del progetto, nello staff sono presenti anche:
– 5 coordinatori locali che agevoleranno interviste, spostamenti interni, logistica, ecc.
– 1 social media manager
– 1 coordinatore amministrativo
– 1 responsabile delle relazioni con l’Unione Europea e le istituzioni;
– 1 coordinatore finanziario